Chiudi

Questo sito utilizza solo cookie tecnici per garantire una migliore navigazione.
Leggi qui per maggiori dettagli.

ARASS-Brera promuove una raccolta fondi per il trasferimento del telescopio Repsold-Merz al Museo della Scienza "Leonardo da Vinci".


Telescopio Repsold-Merz dell'osservatorio di BreraMarzo 2017: Recentemente è stato perfezionato un accordo tra l’INAF O. A. di Brera ed il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano per il trasferimento del telescopio Repsold – Merz (apertura 49 cm) dal laboratorio di A.R.A.S.S. – Brera in via Giovan Battista Piranesi 10 (MI), dove è stato realizzato il complesso restauro funzionale eseguito con notevole rigore scientifico, durato tre anni dal 2010 al 2013, alla sede del Museo sopra citato.
Si tratta di una soluzione sicuramente molto sofferta, ma che alla fine ha soddisfatto un po’ tutti.
Purtroppo le disponibilità economiche per questa operazione sono molto limitate e quindi non sufficienti, per questo motivo dobbiamo ricorrere ad una raccolta fondi che ci permetta di coprire tutte le spese, per realizzare tale trasferimento. Chiediamo quindi uno sforzo a tutti, ma in particolare agli appassionati della storia dell’Astronomia Italiana. Poiché non si tratta di un piccolo oggetto, ma di uno strumento di dimensioni notevoli, la lunghezza del tubo dell’asse ottico è di 7mt, l’altezza di mt 6 ed il peso è di 6 Ton. Il trasporto presuppone operazioni complesse condotte da personale altamente specializzato dotato di mezzi adeguati e quindi molto costosi. La Soprintendenza BSAE vigilerà su tutte le operazioni trattandosi di un bene storico scientifico di proprietà dello Stato di un valore notevole. Le operazioni di smontaggio e montaggio saranno eseguite dagli stessi restauratori, volontari della nostra Associazione, che hanno eseguito il restauro e che sono muniti dei requisiti professionali richiesti dalle Autorità di vigilanza (Soprintendenza).
Prevediamo di concludere questo complesso iter per il prossimo autunno e di restituire finalmente al pubblico questa importante testimonianza storica che tanto lustro ha dato alla astronomia italiana e mondiale.
Se vorrete aderire a questa iniziativa qui di seguito trovate le nostre coordinate bancarie. Potrete effettuare un bonifico indicando “Raccolta Fondi per Trasferimento Repsold Merz al Museo Leonardo da Vinci”.

UBI BANCA IBAN: IT37H0311101645000000000296

A tutti i contributi sarà corrisposta una ricevuta emessa da A.r.a.s.s.-Brera e gli aggiornamenti sulla raccolta saranno pubblicati sul nostro notiziario e riportati sul nostro sito web.


Riapre l’Antico Gabinetto delle Scienze della Scuola “E. De Amicis” di Porto San Giorgio.

Giugno 2013: Riapre l’Antico Gabinetto delle Scienze della Scuola “E. De Amicis” di Porto San Giorgio grazie ad un progetto di salvaguardia e valorizzazione.

Durante la primavera di quest’anno, una felice circostanza ha determinato la possibilità di attivare un progetto di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio d’interesse storico-scientifico della Scuola “E. De Amicis” di Porto San Giorgio, fondata nel 1913. La Dirigente dell’ ISC Nardi, Dott.ssa Daniela Medori, ha istituito un gruppo di lavoro coordinato dal curatore, l’Ing. Oronzo Mauro, che, insieme ai suoi collaboratori, con grande solerzia, ha portato a termine il progetto permettendo di riaprire il Gabinetto delle Scienze in occasione dei festeggiamenti dei 100 anni della Scuola “E. De Amicis”.

L’Antico Gabinetto di Scienze, coevo all’apertura della scuola, come testimoniano i reperti ivi trovati e restaurati, intorno agli anni ’30, è stato affiancato dal Gabinetto delle Attività Marinare, voluto dal governo fascista per rilanciare le corporazioni, nella fattispecie, a Porto San Giorgio, quella della pesca. Nel corso degli anni, la scuola inoltre ha stratificato una serie di sussidi didattici molto interessanti, anch’essi classificabili come beni culturali scientifici.

Il recente progetto di recupero, durato circa 3 mesi, ha reso possibile identificare oggetti di valore scientifico che tornano ad avere un ruolo di primo piano per la Scuola “De Amicis” e per il territorio con l’istituzione di un nuovo museo per Porto San Giorgio. Grazie a quest’opera di valorizzazione gli studenti e visitatori del Gabinetto potranno ammirare alcuni dei pezzi restaurati quali una macchina elettrostatica di Wimshurst con accessori, una serie di macchine semplici, un bel voltametro di Bertram, ora pronti per ispirare nuovi orizzonti scientifici.

Da non dimenticare la bella collezione ittiologica relativa al Gabinetto delle Attività Marinare che torna, in un bell’armadio d’epoca, a ricordare l’importanza del mare. Il Tellurium del costruttore Felkl & Son di Praga è un oggetto di spicco nella collezione del Gabinetto; anch’esso restaurato, mostra ora come le sequenze degli equinozi e la meccanica della terra fossero insegnati in modo molto efficace. Anche la collezione mineralogica affascina con i colori di variopinti minerali. Un’ampia raccolta di altri sussidi didattici per la scienza è disponibile ed oggetto ormai d’interesse museale (documentari su pellicola, su diapositiva, regoli di vario genere, cartelloni murali, etc…). E’ stata inoltre allestita una postazione di rilievo dedicata alla microscopia tale da permettere osservazioni avvincenti.


Decennale del Restauro dell'Antico Orologio Pubblico a Campane del Palazzo di Brera.

L'antica macchina dell'orologio del Palazzo di brera25 Giugno 2013: Si è tenuto oggi a Brera un incontro per celebrare il decennio del restauro dell'Antico Orologio Pubblico a Campane del Palazzo di Brera, la cui prima installazione risale al 1743, quando il Palazzo di Brera era sede di una scuola dei Gesuiti. Le vicende storiche dell'orologio, della sua manutenzione e del suo restauro sono state ricordate dagli intervenuti, la Soprintendente per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Lombardia occidentale, dott.ssa Sandrina Bandera, Il Direttore dell’Osservatorio Astronomico di Brera prof. Giovanni Pareschi, il Presidente dell’ARASS - Brera Nello Paolucci.
Nel filmato qui sotto, realizzato da Lisa Cerri, Nello Paolucci riassume la storia del restauro e illustra il funzionamento della macchina.

La figura e l’opera tecnico-scientifica di Carlo Dell’Acqua nelle carte dell’Archivio del Liceo Beccaria di Milano.

Gli archivi storici del liceo Classico Beccaria di MilanoAprile 2013: ARASS-Brera e il Gabinetto di Fisica del Museo urbinate della Scienza e della Tecnica, Università di Urbino, hanno avviato una collaborazione mirata a ricostruire la storia dell’antico Gabinetto di Fisica del Liceo S. Alessandro (l’attuale Liceo Beccaria) di Milano.
A metà aprile si è conclusa la fase di digitalizzazione dei documenti originali presso l'archivio del Liceo Beccaria, eseguita dai volontari dell'ARASS. Sono state acquisite oltre un migliaio di immagini dei documenti cartacei, selezionando dal vastissimo archivio dell'Istituto quelli ritenuti più rilevanti ai fini dello studio.
L’analisi dei documenti acquisiti, coordinata dal prof. Roberto Mantovani, curatore del Museo urbinate della Scienza e della Tecnica, permetterà lo studio delle pratiche tecniche e didattico-scientifiche dei vari insegnanti di Fisica e dei macchinisti che si sono succeduti nel corso del tempo. In particolare, sarà primariamente finalizzata alla ricostruzione in dettaglio della vita e delle attività tecnico-scientifiche del Macchinista Carlo Dell’Acqua, il più importante costruttore di strumenti scientifici della metà dell’Ottocento in Italia.
Maggiori dettagli seguiranno sul Notiziario.

Servizio TG3 su laboratori Open Care

Il laboratorio ARASS-BreraFebbraio 2013: Sabato 23 è andato in onda un servizio di RAI-TG3 sui laboratori di restauro di Open Care, presso i quali è ospitato il laboratorio ARASS. Non poteva mancare una panoramica del grande telescopio Repsold-Merz, e dei nostri giovani restauratori!

Orologio da torre Villa del Balbianello del FAI

Campanile Villa Balbianello - Lago di ComoGennaio 2013: completato il restauro dell'orologio da torre della prestigiosa villa del FAI (Fondo Ambiente Italiano) a Lenno, in provincia di Como. La villa si trova in magnifica posizione sulla punta della penisola di Làvedo, un promontorio che si spinge nel lago di Como e che dalla villa ha preso il nome di "Balbianello".
Macchina orologio di Villa Balbianello - Lago di ComoIl meccanismo, realizzato dal costruttore Cesare Fontana di Milano verso la fine del XIX secolo, è stato e completato nelle parti mancanti (suoneria dei quarti), revisionato e trattato con sostanze protettive.
Quadrante orologio di Villa Balbianello - Lago di ComoIl quadrante dell'orologio è stato ripulito e riverniciato, e presto tornerà alla sua collocazione originale, per poter essere ammirato da turisti e visitatori da tutto il mondo.

Strumenti Istituto C. Cattaneo - Milano

Livella laboratorio topografia - Istituto C.Cattaneo di MilanoGennaio 2013: iniziato il restauro di alcuni strumenti dei laboratori dell'Istituto C. Cattaneo di Milano, storica istituzione milanese fondata nel 1848. Al restauro si affianca un accurato inventario che permetterà di rendere disponibili online su questo sito le schede e le immagini del vasto patrimonio storico-strumentale di questa scuola di istruzione superiore.

Telecopio Repsold-Merz - Milano

Telescopio Repsold-Merz di SchiaparelliDicembre 2012: prosegue il restauro del prestigioso telescopio rifrattore Repsold-Merz con il quale l'astronomo Giovanni Virginio Schiaparelli condusse alla fine del XIX° secolo le sue celebri osservazioni di quelli che apparvero all'epoca i canali di marte.
Lo strumento, lungo oltre 7 metri, era uno degli strumenti più potenti del mondo, un investimento enorme a testimonianza del ruolo che l'Italia all'indomani dell'Unità attribuiva alla cultura scientifica.



E' stato completato il sistema di distribuzione della luce per la lettura delle scale graduate ed è in fase di completamento il nuovo sistema ottico per la lettura delle stesse, in sostituzione dell'originale che era andato perduto.

Gabinetto di Fisica - Seminario Vescovile di Padova

Seminario Barbarigo PadovaNovembre 2012: completato l'inventario del Gabinetto di Fisica del Seminario Vescovile di Padova. Aperto dal vescovo Gregorio Barbarigo nel 1670, il Seminario di Padova è stato nel Settecento e nell'Ottocento "un centro di cultura di livello superiore, in grado di competere con gli stessi istituti delle facoltà universitarie e sfornando una serie continua d'abati docenti di diverse discipline sulle cattedre dello studio, specie di diritto, di lettere, di filosofia, di scienze" (A. Poppi, Chiesa e università, in P. GIOS [ed.], Diocesi di Padova [Storia religiosa del Veneto, 6], Padova 1996, 564). E' anche dotato di una prestigiosa biblioteca, che custodisce circa 300.000 volumi.

I volontari di ARASS-Brera hanno provveduto ad una ricognizione e inventarizzazione degli strumenti, fotografandoli, identificandoli, descrivendone le funzioni quando possibile, prendendo nota delle caratteristiche e stato di conservazione degli stessi. Il lavoro di inventarizzazione ha fornito l’opportunità di rilevare il notevole valore storico di molti degli strumenti, realizzati da costruttori di fama internazionale.

Le schede degli strumenti più significativi sono disponibili qui, ordinate alfabeticamente. Gli oggetti contrassegnati con due "Stelle" sono quelli considerati di maggior interesse.


Completato il restauro dell'Orologio del Teatro Grande di Brescia

Orologio Teatro Grande BresciaGiugno 2012: Giovedi 14 si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del restauro dell'Orologio storico della Sala del Teatro Grande di Brescia, inaugurato nel 1810. Dopo quasi un ventennio di inattività a causa della eccessiva rumorosità e di uno stato di conservazione molto precario, l’antico meccanismo costruito nel 1815 dal maestro orologiaio Stefano Pezza è stato recuperato ed è oggi nuovamente funzionante.
Orologio Teatro Grande BresciaPrima del restauro l’orologio presentava problemi relativi alla parte statica portante della macchina, tamponata negli ultimi anni attraverso l’utilizzo provvisorio di alcuni puntelli. Dopo lunghe prove di laboratorio la scelta dell’intervento di restauro più adeguato è caduta su un doppio dispositivo pneumatico che operasse all’esterno del meccanismo storico, quindi non invasivo, ma che provvedesse a dare mobilità alle vele che costituiscono il quadrante scandendo gli stessi tempi, migliorando molto la rumorosità, l’affidabilità delle prestazioni e riducendo notevolmente le sollecitazioni meccaniche che erano causa dei frequenti guasti.
Orologio Teatro Grande BresciaL’intervento, iniziato nel mese di ottobre 2011, è stato eseguito da A.R.A.S.S. – Brera, avvalendosi della collaborazione di esperti e professionisti nel campo della meccanica, dell’ingegneria, della modellistica. Promosso dalla Fondazione del Teatro Grande, il restauro dell’Orologio è stato reso possibile anche grazie al contributo fondamentale offerto dal Club Soroptimist di Brescia.

Vai al sito del Teatro Grande

Articolo sul restauro apparso su "Brescia Oggi del 15 giugno 2012

Articolo di Brescia Oggi del 15 giugno

Luogo: Scuola “E. De Amicis”, via Mazzini, 50, Porto San Giorgio (FM) /

Info Point: tel. 0734 676043 / Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Iniziato il restauro dell'Orologio di Villa del Balbianello

Orologio Villa BalbianelloGiugno 2012: iniziato il restauro funzionale dell'orologio da torre di villa del Balbianello di proprietà del FAI. Si tratta di un orologio con basamento in ghisa di Cesare Fontana di Milano, datato 1883 con sviluppo orizzontale, 3 treni di ruote e scappamento a caviglie.
E' posto alla base di una torre a base quadrata di circa 90x90 cm.
Orologio Villa Balbianello Attualmente il movimento dell’orologio si presenta in pessimo stato di conservazione con tutte le parti in metallo arrugginite ed intrise completamente di polvere e calce, che hanno completamente bloccato il meccanismo.
L'orologio era fermo da tempo immemorabile, e a seguito degli ultimi restauri risultava nascosto all'interno della torre.
Orologio Villa Balbianello Il movimento, oggi in una condizione di particolare precarietà conservativa, da un esame approfondito risulta di pregevole costruzione meccanica e con fregi artistici di particolare valore. Al termine del restauro si presenterà come un autentico gioiellino.
Orologio Villa Balbianello Il pesi per la carica si trovavano sopra alla macchina del movimento, posta nella parte inferiore della torre.
La nuova collocazione dovrà prevedere l'inversione delle rispettive posizioni, con il movimento più in prossimità della demoltiplica delle lancette e più accessibile alla fruizione da parte dei visitatori.

 


Porte Aperte all'Open Care

Marzo 2012: il 29 marzo, in occasione della tradizionale giornata di presentazione al pubblico dei laboratori della Open Care abbiamo ricevuto la visita del quotidiano Avvenire, che ha pubblicato un breve profilo della recente attività di restauro del telescopio Repsold-Merz.


articolo Avvenire

 


Descrivere il Mondo

Il Globo della Biblioteca Nazionale Braidense dopo il restauro29 novembre 2011: In collaborazione con La Biblioteca Nazionale Braidense e con l’Associazione Amici di Brera, nell’ambito del ciclo di conferenze Braidense segreta, abbiamo partecipato all’incontro:

DESCRIVERE IL MONDO - Il grande mappamondo manoscritto della Braidense del 1829 restituito al pubblico dopo il restauro.

Martedì 29 novembre ore 17,30
Sala Maria Teresa
Biblioteca Nazionale Braidense
via Brera, 28 – 20121 Milano


L'incontro è stato l'occasione per ripercorrere le vicende storiche di questo famoso globo terraqueo, che all'epoca della costruzione rappresentava un prestigioso strumento scientifico costruito con grande precisione e tenendo conto delle più recenti informazioni provenienti dalle spedizioni geografiche in ogni parte del mondo.

Per celebrare il completamento del restauro e per diffondere la conoscenza di questo straordinario manufatto scientifico, è stata per l'occasione realizzata una presentazione multimediale, disponibile nei locali della Biblioteca Braidense ma anche consultabile qui.


Orione novembre 2011 - Restauro Repsold-MerzNovembre 2011: La rivista Orione ha pubblicato sul numero di questo mese un articolo del nostro presidente Nello Paolucci sul restauro funzionale del grande telescopio Repsold-Merz di Schiaparelli.
Per gentile concessione della redazione di Orione, potete scaricare qui l'articolo completo.



Giornate del Volontariato a MilanoA Milano presso il Collegio delle Stelline Sabato 5 e domenica 6 novembre abbiamo partecipato alla manifestazione "I giorni del Volontariato". E' stata una importante occasione per rispondere alle vostre domande e conoscere alcuni dei volontari esperti del restauro degli strumenti scientifici: magari esaminare la possibilià di darci una mano. Ringraziamo i numerosi visitatori


Il Restauro di un glorioso telescopio nella storia dell'astronomia

 

26 ottobre 2011 -Genova - Festival della Scienza.

 

Telescopio Repsold MerzNel 1878, Giovanni Virgilio Schiaparelli, allora direttore dell'Osservatorio Astronomico di Brera, già famoso per le sue prime osservazioni di Marte, riesce a far approvare dal governo l'acquisto di un potente telescopio. L'ingente investimento, approvato malgrado le difficoltà economiche del Paese all'indomani dell'Unità, rese l'Osservatorio di Brera fra i più avanzati del mondo. Nel 2010, in occasione del centenario della sua morte, fu deciso di intraprendere l'opera di restauro funzionale, che è oggi quasi completata. ARASS, che ha curato il restauro, è presenta al Festival della Scienza di Genova, con una conferenza che illustra la storia di questo glorioso strumento e le fasi del suo recupero. Viene anche esaminata una proposta per la sua ricollocazione nell'ambito del progetto della Grande Brera, con un utilizzo per scopi didattici, sia per le scuole che per gli appassionati.

Scarica qui la relazione di Nello Paolucci






Il giorno Venerdi 20 maggio 2011 si è tenuta presso la Sala della Passione della Pinacoteca di Brera,
via Brera, 28 - Milano la presentazione del Progetto di Restauro del

 

GRANDE TELESCOPIO EQUATORIALE
REPSOLD-MERZ
del famoso Astronomo G.V. Schiaparelli

sono intervenuti:

Sandrina Bandera - Soprintendente e Direttore della Pinacoteca di Brera

Giovanni Pareschi - Direttore Osservatorio Astronomico di Brera

Nello Paolucci - Presidente ARASS-Brera

 

il restauro è stato curato da ARASS-BRERA

Corriere della Sera - 21 maggio 2011Il Telescopio Equatoriale Repsold-Merz, costruito nel 1879, fu acquistato dal Governo Italiano per l’Astronomo Giovanni Virgilio Schiaparelli e installato all’Osservatorio Astronomico di Brera dove rimase fino agli anni ’30. In seguito fu spostato nella succursale dell’Osservatorio di Merate, dove svolse un’attività molto limitata fino alla metà degli anni ’50. Nel 1960 fu smontato e i pezzi disseminati in varie sedi. Nel 2010, in occasione del centenario della morte dell’Astronomo Schiaparelli, è stato deciso di procedere al restauro funzionale del Telescopio. A.R.A.S.S.-Brera ONLUS e INAF-Osservatorio Astronomico di Brera si stanno adoperando affinché questo storico e importante strumento possa ritornare a vivere nella sua sede originale, disponibile al grande pubblico per l’osservazione del cielo di Milano.